Pittori nelle Marche


Poco o nulla si potrà comprendere del ruolo strategico delle arti e dei mestieri se non si ricostruiscono gli spostamenti nel tempo e nello spazio dei pittori, degli scultori, degli architetti, ecc (dove sono nati, dove hanno appreso il mestiere e dove hanno lavorato). Solo quando si collegano le OPERE agli AUTORI e questi ai COMMITTENTI e ai TERRITORI dove hanno operato e dove si conservano ancora le loro opere, si potrà comprendere la natura e l’intensità degli scambi avvenuti senza soluzione di continuità. Proprio queste maestranze (“artisti” e “artigiani”) hanno contribuito, insieme alla lingua, alla cucina, alla musica e alle credenze, alla omogeneità culturale di territori sub regionali come la Marca di Camerino o la Valle del Potenza.
Tutto il territorio marchigiano è un’opera d’arte: un patrimonio costituito da affreschi, dipinti e sculture che raccontano la storia, le tradizioni, i personaggi, la religiosità, i conflitti che hanno attraversato il territorio marchigiano certificando una ricchezza di stili unica difficilmente riscontrabile altrove.
Come dice Sgarbi “Le Marche sono un libro aperto di Storia dell’Arte. Ogni scuola pittorica è presente…. Una regione piccola nelle dimensioni, ma proporzionalmente la più grande per quantità di patrimonio artistico, architettonico e paesaggistico in Italia”.

Alberti Saverio

Alfani Domenico di Paride

Allievo del Pomarancio

profilo

Aspri Girolamo e fratello Antonio

profilo

Bacci Andrea

Barbieri Giovanni Francesco detto il Guercino

Basili Eusebio e Saverio

profilo

Basvecchi Luigi

Bellini Filippo

Bernardino di Mariotto dello Stagno

Bonichi Gino, detto Scipione

Biancolini Benedetto

Boccati Giovanni da Camerino

Biagetti Biagio

Brandi Giacinto

Buratto Girolamo

Caccianiga Francesco

Cantarini Simone detto il Pesarese

Capizucchi Marco

Diotallevi di Angeluccio di Esantoglia

Falconi Giacomo Antonio

Gasparini Gaspare

Gherardi Cristoforo detto il Doceno

Gherardi Cristoforo detto il Pomarancio

Giorgetti Giacomo

Giovanni Angelo d’Antonio

Giovanni Battista da Norcia

Giovanni di Corraduccio detto Mazzaforte

Giovanni di Fiandra

Girolamo di Giovanni da Camerino

Guglielmo da Venezia

Iachini Amadio

Luti Benedetto

Maestro dei Crocifissi francescani

Maestro di Altino

Maestro di Arnano

Maestro di Fiastra anche detto Maestro di Sant’Ilario

Maestro di Gaglianvecchio

Maestro di Sentino

Mancini Alessio

Mantegna Andrea

Marini Pasquale Andrea detto Pasqualino da Recanati

Martini Vincenzo

Merisi Michelangelo detto Caravaggio

Monachesi Sante 

Monsù Clodio

profilo

Moretti Luigi

Moretti Saverio

Negretti Jacopo detto Palma il Giovane

Pagani Vincenzo

Pavisa Ciro

profilo

Pellegrino Giovanni Antonio da Milano

Pietro di Domenicoda Montepulciano detto Pietro da Recanati

Presutti Giuliano detto Giuliano da Fano

Ricci Alessandro (e Filippo)

Ridolfi Claudio detto il Veronese

Rizzo Antonio da Venezia

Rinaldi Giuseppe detto lo Spazza

Rodriguez Fernandez Juan detto Johannes Hispanus

Salvi Giovanni Battista detta Sassoferrato

Santi di Tito

Scipione

Signorelli Luca

Sparapane da Norcia

Tassi Matteo

Tedeschi Pietro

Tiepolo Giambattista

Trevisani Francesco

Urbani Lorenzo

Urbani Ludovico

Valeri Luigi Domenico

Valeriano Giuseppe

Vanvitelli Luigi

Venanzio da Camerino / Piergentile da Matelica

Vergari Giulio da Amandola

Van Schayck Ernst

Zappetta Giacomo

Zuccari Federico